Belluno, accordi su fiscalità e contrasto alla povertà

Nel territorio della provincia di Belluno, grazie ai risultati della contrattazione sociale, sono in vigore due accordi che puntano ad affrontare il disagio di alcune fasce della popolazione e a promuoverne l’inclusione. I settori di intervento sono il contrasto alla povertà e la fiscalità locale. 

Il primo accordo intende frenare lo spopolamento del bellunese e affrontare i disagi che si ripercuotono sulle famiglie presenti nel territorio mentre il secondo accordo ha come beneficiari i giovani tra i 19 e i 34 anni e gli anziani oltre i 65 anni di età. Nel caso dei giovani si prevedono sostegni economici per lo studio universitario attraverso un prestito pluriennale a tasso zero da restituire in tutto o in parte a seconda di un eventuale rientro nel territorio di provenienza. Nel caso degli anziani i sindacati hanno proposto una nuova ipotesi di addizionale che alza la soglia di esenzione fino a 15 mila euro mentre per gli anziani che compiono i 70 anni è previsto l’accesso a prezzi calmierati ai cinema, teatri, bus, centri sportivi. Obiettivo: combattere il fenomeno della solitudine in una logica di invecchiamento attivo e di socializzazione.

Stampa