Prevenzione antincendi nei condomini: in arrivo nuove norme

Dal prossimo 6 maggio, nuove regole per la sicurezza e la prevenzione antincendi nei condomini. Il fuoco da sempre è il nemico principale degli edifici. Limitare e prevenire questi pericoli è l’obiettivo del decreto del Ministero dell’Interno del 25 gennaio 2019. Ostacolando la propagazione del fuoco, attraverso l’utilizzo di adeguati criteri, recenti norme ed innovazioni degli ultimi trent’anni, in particolare sulle facciate degli edifici, che nel provvedimento verranno suddivisi per tipologia di rischio. Il Decreto introduce nuove norme tecniche che si andranno ad applicare ai condomini di nuova realizzazione e a quelli esistenti al 6 maggio prossimo. Questi dovranno essere progettati in modo da consentire una rapida e sicura evacuazione in caso d’incendio ed essere conformi al DM 246/1987.

Quattro i livelli di pericolo, con relative misure gestionali, suddivise in base all’altezza antincendi: da 12 a 24 metri, da 25 a 54, da 55 a 80 e oltre tale misura. Per ogni livello vi sarà un responsabile dell’attività e un coordinatore dell’emergenza che dovranno adottare misure e procedure preventive, ed in caso di incendio anche a carico degli occupanti il condominio. Gli edifici interessati sono quelli soggetti ai procedimenti di prevenzione incendi. I nuovi requisiti avranno gli obiettivi di limitare la probabilità di propagazione di incendi originati dall’interno o dall’esterno e di evitare la caduta di parti che compromettano l’esodo degli occupanti e l’intervento delle squadre di soccorso. Questo attraverso le prescrizioni della guida tecnica sui requisiti di sicurezza dei Vigili del Fuoco.

Le nuove regole si applicheranno agli edifici di nuova realizzazione e per quelli esistenti che avranno interventi alle facciate superiori al 50% della superfice. Mentre per i condomini con lavori già avviati o pianificati e approvati dei Vigili del Fuoco al 6 maggio, si continuerà con le norme precedenti. L’installazione degli allarmi antincendio sarà graduata per gli edifici già presenti. Dal 6 maggio 2021 scatterà l’obbligo della segnalazione manuale e degli allarmi antincendio vocali. Mentre le altre prescrizioni saranno obbligatorie dal 6 maggio 2020. Gli adempimenti effettuati dovranno essere comunicati ai Comandi dei Vigili del Fuoco nel momento del rinnovo delle attestazioni di prevenzione incendi.

(Intervento Sicet pubblicato sull'edizione del quotidiano Avvenire del 1° Marzo 2019)

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa