Ape sociale e Quota 100: il passaggio conviene?

Passare dall’ape sociale alla pensione con quota 100 può rivelarsi una scelta particolarmente conveniente, in particolare, per chi otterrebbe un importo di pensione superiore a 1.500 € lordi, cioè superiore al limite massimo dell’importo dell’ape sociale. Inoltre, l’importo dell’ape sociale non è integrabile al minimo, viene corrisposto solo per 12 mensilità, e non è soggetto a rivalutazione.
D’altra parte, chi sceglie la pensione quota 100, non può cumulare questa soluzione con redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione di quelli per lavoro autonomo occasionale per un massimo di 5.000 € lordi all’anno.

Per capire se quota 100 è la soluzione pensionistica più adatta a te, rivolgiti alla sede Inas Cisl più vicina. I nostri esperti sono a disposizione per valutare con te, in base al tuo percorso lavorativo e previdenziale, qual è la scelta migliore da fare. Per assisterti e tutelare i tuoi diritti, le sedi Inas Cisl possono aiutarti! Trovi gli indirizzi su www.inas.it  o chiamando il numero verde 800 249 307.

Stampa