Ape sociale e Quota 100: il passaggio conviene?

Passare dall’ape sociale alla pensione con quota 100 può rivelarsi una scelta particolarmente conveniente, in particolare, per chi otterrebbe un importo di pensione superiore a 1.500 € lordi, cioè superiore al limite massimo dell’importo dell’ape sociale. Inoltre, l’importo dell’ape sociale non è integrabile al minimo, viene corrisposto solo per 12 mensilità, e non è soggetto a rivalutazione.
D’altra parte, chi sceglie la pensione quota 100, non può cumulare questa soluzione con redditi da lavoro dipendente o autonomo, ad eccezione di quelli per lavoro autonomo occasionale per un massimo di 5.000 € lordi all’anno.

Per capire se quota 100 è la soluzione pensionistica più adatta a te, rivolgiti alla sede Inas Cisl più vicina. I nostri esperti sono a disposizione per valutare con te, in base al tuo percorso lavorativo e previdenziale, qual è la scelta migliore da fare. Per assisterti e tutelare i tuoi diritti, le sedi Inas Cisl possono aiutarti! Trovi gli indirizzi su www.inas.it  o chiamando il numero verde 800 249 307.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa