Patronato d’emergenza: l'Inas assicura tutele anche a distanza

Prossimità anche a distanza: sono queste ora le parole d’ordine del patronato della Cisl. “Mentre tutti fanno i conti con le limitazioni della quarantena, il bisogno di accedere a misure di sostegno previdenziale e socio-assistenziale cresce in maniera esponenziale: lo dimostrano le migliaia di chiamate che riceviamo ogni giorno”, spiega Gigi Petteni, presidente Inas Cisl. Bonus da 600 € per le categorie di lavoratori più svantaggiate, congedi per prendersi cura dei bimbi o di familiari non autosufficienti, permessi per chi ha già una disabilità e deve tutelare la propria salute con la massima attenzione sono tra le misure per le quali più spesso le persone chiedono l’intervento dell’Inas in questi giorni. Abituati ad assistere le persone in modo capillare sul territorio, gli esperti dell’istituto hanno ridisegnato l’operatività per consentire alle persone di restare a casa e accedere comunque alle tutele del patronato senza essere fisicamente presenti nelle sedi.
“Grazie al numero di contatto unico 800249307 – spiega Petteni – raccogliamo le richieste di intervento da parte delle persone, in modo da organizzare per loro la miglior assistenza anche a distanza. Vogliamo sgretolare quell’isolamento che aleggia sulle vite di tutti i cittadini e far sentire loro che siamo ancora pronti ad ascoltarli e assisterli anche nell’emergenza”. 

Per ricevere tutela e assistenza chiama il numero verde 800 249 307

(Pubblicato sulla pagina Servizi di Avvenire del 3 aprile 2020)

Stampa