Post Covid. La salute dei lavoratori resta la priorità: i corsi dello IAL

"Con il Covid-19 la sicurezza è divenuta inesorabilmente la priorità su cui investire. Il 14 marzo nei giorni più drammatici della pandemia, le parti sociali siglarono il 'Protocollo di regolamentazione per il contrasto e il contenimento della diffusione del Covid-19 negli ambienti di lavoro'. Da allora, malgrado la fase del lockdown, l’attività per la sicurezza sul lavoro della rete IAL, con e nella CISL, ha trovato nuovo stimolo dinanzi alle migliaia di contagi sul lavoro e alle tante morti bianche di queste settimane. A luglio hanno preso così il via due percorsi di formazione per Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) e Responsabili Servizio Prevenzione e Protezione (RSPP) di varie strutture del sindacato di via Po, realizzati da IAL Nazionale col patrocinio di CISL Nazionale. L’innovazione in tema di sicurezza è al centro del progetto con INAS Campania per la diffusione di di soluzioni di industria 4.0 per la prevenzione e il contenimento di infortuni e malattie professionali e per l’attivazione di un circuito sociale e istituzionale di promozione e trasferimento di know-how in tema di salute e sicurezza. A settembre ripartirà il progetto formativo “ALL- Adattare il Lavoro ai lavoratori” rivolto a 1500 RLS/RLST in tutta Italia, convertito in e-learning con webinar e videoconferenze. L’obiettivo è rafforzare l’impegno perchè insieme al lavoro, alle persone venga garantito il diritto alla salute e alla vita".

 

(Pubblicato sulla Pagina servizi di Avvenire del 7 agosto 2020)

Stampa