Gestione separata: l’indennità di maternità in caso di adozione e affido internazionale

Le lavoratrici iscritte alla gestione separata Inps possono usufruire dell’indennità di maternità per un periodo di 5 mesi anche in caso di adozione e affidamento preadottivo di un bambino. L’indennità è riconosciuta a condizione che la mamma lavoratrice che la richiede possegga 3 mesi di contributi nei 12 mesi precedenti all’ingresso del bambino in famiglia e spetta indipendentemente dall’età del minore al momento dell’adozione o dell’affido preadottivo. Se ci sono i requisiti, l’indennità di maternità è riconosciuta anche se durante il periodo di percezione il minore diventi maggiorenne.  I papà lavoratori iscritti alla gestione separata, che hanno i requisiti contributivi previsti per le lavoratrici madri, possono fare richiesta di indennità in alternativa alla mamma.

Per consulenza e assistenza, rivolgiti alla più vicina sede Inas Cisl: trovi gli indirizzi su www.inas.it o chiamando il numero verde 800 249 307.

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa