Gestione separata: l’indennità di maternità in caso di adozione e affido internazionale

Le lavoratrici iscritte alla gestione separata Inps possono usufruire dell’indennità di maternità per un periodo di 5 mesi anche in caso di adozione e affidamento preadottivo di un bambino. L’indennità è riconosciuta a condizione che la mamma lavoratrice che la richiede possegga 3 mesi di contributi nei 12 mesi precedenti all’ingresso del bambino in famiglia e spetta indipendentemente dall’età del minore al momento dell’adozione o dell’affido preadottivo. Se ci sono i requisiti, l’indennità di maternità è riconosciuta anche se durante il periodo di percezione il minore diventi maggiorenne.  I papà lavoratori iscritti alla gestione separata, che hanno i requisiti contributivi previsti per le lavoratrici madri, possono fare richiesta di indennità in alternativa alla mamma.

Per consulenza e assistenza, rivolgiti alla più vicina sede Inas Cisl: trovi gli indirizzi su www.inas.it o chiamando il numero verde 800 249 307.

Stampa