Il caso degli investimenti in Diamanti. Adiconsum in prima linea

Sono oltre 120 mila i piccoli risparmiatori italiani che, su consiglio di alcune banche, hanno investito i propri risparmi, in molti casi quelli di una vita, in diamanti, per un totale di due miliardi di euro. Il caso diamanti ha cominciato a prendere vita quando gli ignari consumatori hanno tentato di venderli cercando di recuperare un po’ di liquidità e si sono trovati di fronte ad un mercato inesistente.

Proprio per le informazioni ingannevoli ed omissive, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha multato per oltre 15 milioni di euro le banche e i broker finanziari che avevano proposto tali investimenti.

In pratica, non solo le informazioni pubblicate sui siti e sul materiale promozionale erano sommarie e non fornivano indicazioni utili per valutare la portata dell’investimento, ma addirittura, trasmettevano dati non veritieri, a cominciare dal prezzo e dall’andamento di mercato dei diamanti. Inoltre, ai risparmiatori, veniva fatto intendere che tali investimenti erano particolarmente adatti per presunti requisiti di liquidità e rivendibilità che garantivano la vendita alle quotazioni indicate in tempi esatti.

Tra le banche coinvolte ci sono Intesa Sanpaolo, Monte dei Paschi di Siena, Unicredit e Banco Popolare di Milano. Ed è proprio con quest’ultimo che Adiconsum, per cercare di dare ristoro agli investitori ingannati, ha aperto una trattativa lo scorso giugno, una volta sondata la disponibilità dell’istituto a trovare una soluzione positiva per la propria clientela. Gli incontri, partiti il 2 luglio scorso, in 5 città pilota, Reggio Emilia, Milano, Bergamo, Modena e Verona, dopo la conclusione del primo ciclo, sono già passati alla seconda fase.

Pertanto, Adiconsum invita tutti coloro che hanno investito i propri risparmi in diamanti ed hanno ricevuto informazioni ingannevoli sui rischi di questo mercato, di contattare la sedi territoriale Adiconsum più vicina per ricevere assistenza (www.adiconsum.it)

Stampa

In base alla normativa in materia di privacy applicabile, CISL – Confederazione Italiana Sindacati Lavoratori titolare del trattamento dei dati acquisiti tramite il presente sito informa l’utente che tale sito web non utilizza cookie di profilazione al fine di inviare messaggi pubblicitari in linea con le preferenze manifestate nell'ambito della navigazione in rete. Il presente sito installa cookies di terze parti. La prosecuzione della navigazione, compreso lo scroll ed il click su elementi del sito, equivale a consenso. Per maggiori informazioni, anche in ordine ai cookies tecnici utilizzati dal sito, e per negare il consenso all’installazione dei singoli cookie è possibile consultare l’informativa cookies completa